martedì 9 ottobre 2007

CISL e UIL: sciopero sì, ma pronti a trattare l'armonizzazione

Nota congiunta di Fistel Cisl e Uilcom Uil in un'agenzia Ansa delle 14.33:

Vodafone ha confermato la cessione del back office a Comdata, ed i sindacati preannunciano un'altra giornata di sciopero per il 19 ottobre. Il passaggio del back office con i relativi 914 dipendenti alla nuova societa' dovrebbe avvenire all'inizio di novembre. Fistel-Cisl e Uilcom-Uil parlano di decisione 'incomprensibile' dopo la 'riuscita iniziativa di lotta del 5/10' e preannunciano un altro sciopero, ma si dicono anche disponibili a trattare per garantire ai dipendenti i diritti acquisiti.

24 commenti:

Anonimo ha detto...

il sogno di Davide contro Golia svanisce.
Quando impareremo ad essere come i francesi?

Anonimo ha detto...

Il grande Almirante citava : Dalla Protesta alla Proposta.

Anonimo ha detto...

et voila'...tutti i nostri sacrifici svaniti nel nulla...la politica e'sempre dietro l'angolo, e davanti ad un tavolo si gioca sempre con la vita delle persone......e' sempre il solito gioco delle parti!

Anonimo ha detto...

MA NON DOVEVAMO FARE LA LOTTA DURA???? QUANDO COMINCIAMO???? QUANDO SAREMO COMDATA O sue CONTRALLATE?

Anonimo ha detto...

Mi dispiace leggere un commento cosi' remissivo e di resa da parte di un collega, o forse e' qualcuno che sta dall'altra parte e vorrebbe che il sogno di Davide contro Golia fosse finito.
La lotta e' appena iniziata e non svanisce proprio niente.

Anonimo ha detto...

Ragazzi domani ci saranno nuove assemblee facciamo ci sentire incaxxati!!!!!Diciamolo che non vogliamo 8 presidi ma UN UNICO grande CORTEO ROSSO che sfila per il centro di Roma e che arriva al cuore della politica!!
FORZAAAAA!! FIGHT IS NOW!

Anonimo ha detto...

MA QUALE OTTO PRESIDI...UNA SOLA PIAZZA, ROMA...PIU NE SIAMO MEGLIO E'!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

compagni/colleghi, non facciamo il loro gioco...lo sappiamo tutti che dietro a questa faccenda c e' un disegno politico che vuole far si che la questione Vodafone(come altre analoghe alla nostra ) passi inosservata e sappiamo anche che l'informazione e le sigle nazionali non ci stanno dando di certo una mano (la proposta dello sciopero su 8 sedi diverse ne e' un esempio...).

Siamo NOI LAVORATORI che dobbiamo dare un segnale a chi ci rappresenta e adoperarci affinche' la protesta continui e continui cosi'come e' partita. Il 19 si puo' e si DEVE andare a ROMA a portare avanti il discorso intrapreso in questi giorni. Quella piazza che ci ha gia' visto uniti nella lotta e' l'unico "tavolo delle trattative" in cui io credo e in cui possiamo cambiare qualcosa .

Non voglio essere venduto 2 volte!

Ivrea-Roma andata-ritorno.

Anonimo ha detto...

TUTTI A ROMA, QUESTA VOLTA SENZA SCUSANTI!!!

Loro ci vogliono nuovamente dividere in gruppetti???

CHIEDIAMOCI IL PERCHE'!!!

Fa paura la FAMIGLIA Vodafone riunita in un'unica città???
Rischiamo forse di FARCI SENTIRE???

E ALLORA FORZA ANDIAMO A ROMA...

Nessun dubbio questa volta...

ROMAAAAAAA!!!

MR

Anonimo ha detto...

io non mi meraviglio affatto che il sindacato tratti e non dubito che almeno una sigla firmerà l'accordo....

ma non dubito nemmeno che la lotta non finisce in vodafone ma continua in comdata: la' sarà la vera trincea.

ora cerchiamo la piazza, ma RICORDIAMO CHE LA PIAZZA NON E' IL SOLO POSTO PER FAR VALERE I PROPRI DIRITTI.

Anonimo ha detto...

I MANAGER DI IVREA "FINALMENTE POSSONO METTERCI LA LORO FACCIA"

Ieri, dopo un mese, i manager di Ivrea hanno radunato i lavoratori di Ivrea STU e DEALER SUPPORT a piccoli gruppi, rendendo la situazione più gestibile, nel tentativo di presentarsi come persone serie che fino ad oggi non hanno pronunciato parola in ottempranza della legge.

Un occhio critico ha colto i due manager che a fatica mascheravano il proprio nervosismo e le proprie ansie in attacco, mentre i Team leader nelle retroguardie difendevano il punto di vista aziendale con gesti di assenso e sorrisetti tirati.

Con pregevoli gesti di stizza hanno smarcato qualsiasi provocazione dimostrando con superiorità che la vendetta è un piatto che va gustato freddo.

Ottimo il dribling con la quale ci invitano a fare qualsiasi tipo di domanda IN PRIVATO, dove è possibile gestire meglio una situazione DI FORTE CRISI aziendale.

Se vi chiedessi di fare una minuta dell'impovvisata riunione sapreste indicarmi COSA esattamente vi hanno comunicato?

QUESTA AZIENDA VIVE UN MOMENTO DI FORTE CRISI A DIRLO NON SONO STATE LE VOSTRE PAROLE MA I VOSTRI VOLTI E IL NERVOSISMO DELLE VOSTRE GAMBE, DEI VOSTRI GESTI DI STIZZA, IL SILENZIO DEI TEAM LEADER CHE HANNO ANCORA LA DECENZA DI NON ESPORSI E DI RIMANERE IN SILENZIO, QUEI POCHI CHE ANCORA VI SORRIDONO PER TIMORE MA STRIZZANO SEGRETAMENTE L'OCCHIO A QUESTO SCIOPERO E NON VEDONO L'ORA CHE QUESTA SITUAZIONE FINISCA PER TORNARE A PATTI CON LA PROPRIA COSCIENZA.

Che questa sia una situazione di forte crisi aziendale è comprovato dall'ordine impartito ai Team Leader di minacciare chi secondo legge fa la propria pausa senza segnalarla su Repi.

Cosa vi è successo? Non siete più in grado di dialogare? Avete davvero dato fondo a tutte le vostre risorse intellettuali ed ora non conoscete altra forma di comunicazione che non si fondi sulle minacce?

ATTENTI! se applicherete le vostre minacce costringendo il lavoratore a effettuare autoformazione durante la propria pausa farete di loro DEI MARTIRI e il resto dei lavoratori VI SI RIVOLTERA'PESANTEMENTE CONTRO!

Riconsiderate il vosto modo di fare Business, la tratta degli schiavi non è più di moda.

M(BO) ha detto...

In Comdata non ci sarà nessuna lotta.

Che scioperi hanno fatto in Comdata finora? Come sono organizzati lì?

Oppure davvero pensiamo che 914 colleghi divisi in 5 sedi possano "seminare" il dissenso dall'altro di condizioni di salario che saranno senz'altro migliori di quelle dei loro nuovi colleghi?

Anonimo ha detto...

News giunte dall'assemblea per il referendum tenutasi ieri a Comdata:

A Torino c'era Rabellino al quale sono state poste domande sulla questione Vodafone relativamente a durata della commessa e su cosa accadrà ai 914 prescelti una volta che questa terminerà.

Il segretario piemontese di Cgil ha parlato di 10 anni per quanto riguarda la durata del contratto e ha affemato che LA CLAUSOLA DI REINTEGRO SARA' PARTE INTEGRANTE DELL'ACCORDO.

Considerata la completa sfiducia che nutro verso rsu eporediese e sigle nazionali che a mio/nostro parere stanno portando avanti la lotta come dei burattini in mano a Mangiafuoco (vedi sciopero del 19!!), non so quanto realmente di vero ci sia nelle affermazioni di Rabellino.
In ogni caso ho trovato tali affermazioni degne di post.

Detto questo...

IL 19 TUTTI A ROMA.
LOTTA DURA SENZA PAURA!!!!

Blade Runner (Ivrea)

catalunya ha detto...

Vogliamo fare qualcosa?
Restituite le tessere del sindacato, autoorganizzamoci localmente e coordiniamoci nazionalmente. Indiciamo assemblee autogestite per organizzare la manifestazione nazionale a Roma il 19 Ottobre. Non stiamo piu' ad ascoltare e ad aspettare "oscure e lontane segreterie", ignoriamoli. Ora ci siamo NOI, i Lavoratori! Ora lottiamo per NOI. Ignoriamo anche la 146, non saremo i primi e non saremo gli ultimi! Lo sciopero e' un diritto costituzionale ed una legge che lo imbavaglia e' incostituzionale e per il buon lavoratore e' un dovere morale ignorarla, non infrangerla perche' non ha valiore, ma ignorarla! "Su Fratelli pugnamop da Forti, contro i vili tiranni borghesi! Non vogliamo piu' servi e padroli, l'eguaglianza sociale vogliam!"

Anonimo ha detto...

Le attuali Rsu di Ivrea ieri sera durante l'assemblea si sono violentemente rifiutati di volere rispondere a chi educatamente ha chiesto notizie sulla notizia Ansa e poi l'hanno smentita...a voi le conclusioni.

Anonimo ha detto...

si si restituite le tessere sindacali e fatevi quella di forza nuova, all'armi siam fascisti!

boia chi molla e' il vostro grido di battaglia!

Anonimo ha detto...

Benissimo...direi di non considerare i commenti dei provocatori, che magari sono gli stessi delegati che non godono di ottima fama, e di organizzare uno sciopero che si possa ricordare!

Indirizziamo le nostre energie su ROMA, su una piazza rossa!

Tutti uniti...i cretini lasciamoli dove sono!

Anonimo ha detto...

I cobas di napoli sono quelli che hanno firmato la flessibilita' +30/-30 minuti sulle pause quando erano rsu cgil.

Contro il parere dei lavoratori e della cgil.

Anonimo ha detto...

MA QUALI DIRITTI ACQUISITI!!!! I DIRITTI ACQUISITI SONO ACQUISITI PER LEGGE ANCHE NELLA CESSIONE E NON GRAZIE AI SINDACATI!

Anonimo ha detto...

Ma chi ha mai dato il mandato a CISL e UIL per trattare?

Conoscono le regole della rappresentatività o sono già con le tasche aperte per intascare qualche altra mazzetta dall'azienda e fottere i lavoratori?

Chi si siede a quel tavolo per trattare è un nemico dei lavoratori e deve perdere tutto! Iscritti, quote e diritto a parlare!

Anonimo ha detto...

Visto che questo tipo continua (in tutti i commenti) a scrivere su questo benedetto accordo firmato dai Cobas sulle pause facciamo un pò di chiarezza.

L'accordo non fu firmato dai Cobas che non esistevano.
I rappresentanti sindacali di CGIL, CISL e UIL dell'epoca erano:

Bartolomeo Matarazzo,
Salvatore Musella,
Grazia Leone,
Francesco Pepe,
Raffaele Puzio,
Caterina Agosatini,
Monica Canale,
Gaetano Stompanato,
Vincenzo Portolano,
Raffaele Vona.

Di questi solo i primi 3 oggi sono Cobas.
Puoi spiegare come possono 3 RSU su 11 e una sigla che non esiste firmare un accordo?

Finiscila di fare solo disinformazione e terrorismo!

Pensa a lottare per fermare questa esternalizzazione!

O sei uno che continua a fare gli interessi dell'azienda???

Anonimo ha detto...

FORZA !!! RAGAZZI!!!... IO NON SONO UN VOSTRO COLLEGA MA MI SENTO UGUALMENTE DI APPOGGIARE IN PIENO LA VOSTRA LOTTA !!! è ORA CHE QUESTI PERSONAGGI LA SMETTANO DI GIOCARE CON IL FUTURO DELLA POVERA GENTE!!! NON LASCIATEVI INCANTARE DA BELLE PAROLE DETTE INVANO ..MA LOTTATE FINO A QUANDO NON AVRETE I VOSTRI DIRITTI MESSI NERO SU BIANCO... NON POTRò ESSERE A ROMA CON VOI MA IL 19 TERRò SPENTO IL MIO CELL IN SENO DI SOLIDARIETA VERSO TUTTI VOI DIPENDENTI VODAFONE... CIAO A TUTTI VOI

Anonimo ha detto...

anonima:CHIEDO A TUTTI DI RIFLETTERE BENE SULLE OPZIONI CHE PRESENTERANNO I SINDACATI NEI PROSSIMI GIORNI....I SINDACATI SEMBRANO AVER DIMENTICATO COSA SIANO LE LOTTE...E COSA SARA' DELLE PERSONE CEDUTE...QUEST'ULTIME ORMAI SEMBRANO IL CAPRO ESPIATORIO X SCONGIURARE PROSSIME ESTERNALIZZAZIONI....MA VOI CI CREDETE!?!?!??

Anonimo ha detto...

no io non ci credo affatto,come si fa a credere che l'azienda frenerà questo processo, IMPOSSIBILE!!al momento opportuno l'azienda attuerà nuove strategie....x eliminare le persone a tempo indeterminato....io diffido da queste scelte: QUESTO E' SOLO L'INIZIO...RICORDATELO!!!