domenica 14 ottobre 2007

V per iVrea: "Il nostro percorso di lotta"

Il 5 ottobre in piazza SS Apostoli e davanti a Montecitorio, guardandoci negli occhi, ci siamo fatti una promessa:

QUESTA PIAZZA CRESCERA’

Ora più che mai abbiamo la possibilità di mantenere quell'impegno.
Perché se veramente vogliamo portare avanti un percorso di lotta, allora crediamo che sia possibile solo tramite una imponente, massiccia e convinta manifestazione di piazza.
Perché in questo momento l'interlocutore non è più un'azienda che ha già preso le sue decisioni, decisioni che, per quanto immorali, sono consentite dalla vigente legislatura, ma coloro che sovrintendono il diritto al lavoro, coloro che spesso sono stati gli importanti interlocutori di battaglie che i Lavoratori hanno condotto e vinto!

E' per questi motivi che chiediamo alle Lavoratrici e ai Lavoratori di Ivrea di unirsi a noi e ai molti altri colleghi di tutta Italia che Venerdì 19 Ottobre si incontreranno nuovamente a Roma!


Ci stiamo organizzando, con l'aiuto di altre delegazioni da tutta Italia, per realizzare una seconda, grande e vincente manifestazione nella capitale.
A partire da domani forniremo dettagli circa le modalità per raggiungere Roma tutti insieme e raccoglieremo le adesioni e i soldi.

V per iVrea


"PER NON LOTTARE CI SARANNO SEMPRE PRETESTI IN OGNI CIRCOSTANZA, MA MAI IN OGNI EPOCA SI POTRA' AVERE LA LIBERTA' SENZA LA LOTTA"

[Ernesto CHE Guevara]

86 commenti:

Anonimo ha detto...

Le istituzioni competenti sono state avvisate che andremo a Roma cosicchè da poter gia organizzare degli incontri?

Anonimo ha detto...

E sia.

Io ci sarò.

S(BO)

Anonimo ha detto...

anche io

Anonimo ha detto...

bravi!

questo si che e' un bel percorso di lotta.

saluti da bo

Anonimo ha detto...

fateci solo sapere se pullman o treno
se riusciamo sarebbe meglio nn rientrare proprio nella notte di sabato, tipo alle 3 o alle 4, ma un po' prima...

Anonimo ha detto...

Padova e Milano battano un colpo.

Anche voi a Roma!!! Tutti a Roma!!

L'altra volta eravamo quasi 1000... stavolta facciamo in modo di essere il doppio! Facciamolo!!

O preferite fare un picnic davanti alla prefettura?

Anonimo ha detto...

eric, elvira... venite o è trrroppo lontano?

Anonimo ha detto...

sull'altro blog (vodafonepeople) era apparsa una comunicazione riguardante lo scipero e i sit in di fronte alle prefetture...

si sono affrettati a toglierla...

Anonimo ha detto...

potrmmo andare dal PAPA a farci risolvere il problema

Anonimo ha detto...

Andiamo tutti a Bruxelles e se non basta al palazzo dell'ONU

Anonimo ha detto...

perchè non andare a CUBA da Fidel ?

Anonimo ha detto...

Puzzle....

L'autentica rivoluzone
«L’autentica rivoluzione è quella dello spirito, nata dalla convinzione della necessità di cambiamento degli atteggiamenti mentali e dei valori che modellano il corso dello sviluppo di una nazione. Una rivoluzione finalizzata semplicemente a trasformare le politiche e le istituzioni per migliorare le condizioni materiali ha poche probabilità di successo. Senza una rivoluzione dello spirito, le forze che hanno prodotto le iniquità del vecchio ordine continuerebbero a operare, rappresentando una minaccia costante al processo di riforma e rigenerazione. Non basta limitarsi a invocare libertà, democrazia e diritti umani. Deve esistere la determinazione compatta di perseverare nella lotta, di sopportare sacrifici in nome di verità imperiture, per resistere alle influenze corruttrici del desiderio, della malevolenza, dell’ignoranza e della paura» Fonte: Libera dalla paura, Sperling & Kupfer

The only real prison is fear, and the only real
freedom is freedom from fear."
Aung San Suu Kyi




Film: Le ali della libertà

"Io dico che queste mura sono strane: prima le odi, poi ci fai l'abitudine, e se passa abbastanza tempo non riesci più a farne a meno: sei istituzionalizzato. È la tua vita che vogliono, ed è la tua vita che si prendono. La parte che conta almeno."
Personaggi coinvolti: Red (Morgan Freeman)


Gaber sosteneva che “libertà è partecipazione”: per essere veramente liberi però non solo devono esistere le condizioni per manifestare i propri diritti, ma bisogna veramente avere la consapevolezza di esserlo.

SUPERPARTES ha detto...

scandaloso l'ultimo comunicato (tra l'altro scritto con saccenza) della rsu di Ivrea che vuole contrapporre chi pensa che la lotta debba proseguire e che debba ANCHE interessare la politica e chi vuole spendersi per andare a Roma e aumentare la visibilita' della protesta. LE DUE COSE NON SI ESCLUDONO VICENDEVOLMENTE. se ci sono interessi diversi lo si dica chiaro e tondo.

Anonimo ha detto...

Per i dip di IVREA che sono ancora indecisi sul da farsi il 19 Ottobre,un appello:

Se siete ancora indecisi sul da farsi perche` non capite chi vi prende piu` in giro (azienda-sindacato?)
Ripensate solo alle plenarie tenutesi negli ultimi gg,in cui vi sono state mostrate delle slides che mostrano quali sono i progetti futuri di Vodafone!
A quanto tutta questa strategia aiutera` la grande azienda a mettere sul mercato il nuovo prodotto (telefonia fissa),
a quanta QUALITA` occorrera` fare nei prossimi mesi perche` Vodafone possa arricchirsi ancora piu` di quanto gia` non lo sia,
a quante nuove opportunita` di crescita dicono che ci attendono di la` in COMDATA
avendo avuto premura di inserire una merdosissima slide per farci vedere come saremo organizzati di la`…,
a come Benedetto parla con noi dicendo castronerie del tipo( “le ultime strategie adottate sono state prese dalle persone che hanno portato Vodafone al colosso che e’ ora!”)
dimenticando che fino a qualche anno fa eravamo OMNITEL,e non una multinazionale Inglese! (Ci ritiene degli idioti inebetiti? Forse si….)
Pensate alle persone che vivono da sole omai da molto tempo e sanno molto bene cosa significhi mantenere affitto/mutuo,macchina,università`,figli a carico,varie ed eventuali e
perdere due gg lavorativi nello stesso mese per andare in piazza a urlare il proprio disdegno!
Cari colleghi indecisi ,prendete esempio da queste persone e non lasciate che misere motivazioni facciano di voi quelli che
Entrano al lavoro per non perdere 50 euro in busta paga!
Sappiamo bene che 50 euro sono la spesa di una settimana, parte della rata della macchina/affitto /università` etc,
tutti quelli che non vivono da mamma e papa` da un bel po` di tempo conoscono il valore di 50 euro!
Ma che ne pensate di una seduta in meno dal parrucchiere/estetista,di una cena in meno o di qualche bevuta in meno, per questo mese?
Questa lotta non la facciamo perche` abbiamo semplicemente una voglia irresistibile di urlare un po` che siamo nella cacca ,
questa lotta e’ lungimirante!
I 50 euro che perderete in busta questo mese ….VODAFONE ve li garantira` per i prossimi 2/5/7 anni successivi
Poi credo che avremo da preoccuparci altro che di 50 euro in meno!!!!!
Bisogna capire che si tratta di un momento storico in cui l’Italia sta andando a rotoli su tutti i fronti!
Lo guardate Report?
Li avete visti gli aumenti su luce ,gas,pane.
Lo ascoltate Beppe Grillo?
Lo sapete quanto vi puppano le banche se avete anche solo un piccolo fido?
Insomma, questa questione Vodafone fa parte di questo grande momento di crisi e non
e’ possibile che sui giornali compaia solo la grande notizia di Vodafone che compra TELE2 omettendo che per farlo esternalizza 914 dipendenti in tutta Italia!
E’ UNA VERGOGNA! NESSUNO PARLA DI NOI!
CAMUFFANO I SERVIZI PARLANDO DEI BAMBOCCIONI!
CHI CI DARA` VOCE?

Insomma colleghi indecisi,anche se i sindacati non vi convincono abbastanza….avete tutti i mezzi per valutare
Il da farsi!
E se l’idea di manifestare sotto una prefettura che per giunta Ivrea non ha, avete solo da venire a Roma, ricordandovi che in piu` si e’,meno spese si avranno!

Anonimo ha detto...

http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=6251&numero=999

MR

Anonimo ha detto...

Concordo con quanto scritto da una collega non di ivrea sul blog, dove sostanzialmente diceva che se voi che volete andare a roma le garantite che non verra venduta a comdata lei è disposta anche a fermarsi per una settimana a roma.
Ma temo che tali garanzie non ci possano essere date ne da voi ne dal sindacato che voi non riconescete.
Pertanto smettetela di diversificarvi sulla citta dove protestare e fate proposte concrete su come tutelarci nel momento in cui comunque saremo mandati in comdata, altrimenti non ci rimarrà che confidare ancora una volta nella "bontà" di un accordo sindacale.

Anonimo ha detto...

siamo gia` stati ceduti; forse il messaggio non e' chiaro.
Si va A Roma per denunciare quanto sta accadendo!
lottiamo perche` senza voce le cose non possono cambiare ,lottiamo perche` se qualcuno ci ascolta magari potremo ottenere di piu` che una garanzia di commesse per 2/5/7 anni e tutte le lotte della storia si fanno INSIEME!
NON SPARPAGLIATI QUA E LA` .
TU CHE PROPOSTE HAI VISTO CHE SI CONTINUA CON QUESTA DEMAGOGIA SPICCIOLA?

Anonimo ha detto...

Riporto il post di un collega:

Anonimo ha detto...

Io appartengo alla rete. Al momento non sarò toccato dall'esternalizzazione ma da quando hanno deciso di trasferire 914 miei colleghi del customer service, vodafone non è più la mia azienda, per me non è più l'azienda da difendere. Tutto è crollato! a ROMA tutti!!!

14 ottobre 2007 22.43
Anonimo ha detto...

ultima cosa che ho sentito al briefing qui a Milano e' che i costi aumentano...soprattutto i ns stipendi!!! Ma certo fatemi lavorare anche gratis! Peccato non abbiano menzionato i miliardi in pubblicita' spesi per i testimonial oltre ai favolisi emolumenti dei dirigenti!
VERGOGNA e DISGUSTO

15 ottobre 2007 10.36

MILANO HA RISPOSTO O SBAGLIO?

MR

Anonimo ha detto...

carissima o carissima, non sono solo i sindacati che propongono di andare a Roma ma sono i lavoratori che l hanno richiesto e anche in maggioranza!!

io sono una lavoratrice e forse vedo un po piu in la di te.

ci chiedono di andare davanati alle prefetture PERCHE NON SERVE A NIENTE e le RSU essendo d'accordo con l'azienda, devono "fare" ma non fare "troppo".

Andare a Roma significa chiedere interessamento ai politici. Non sono una cretina ne un illusa, benche la mia giovine età so' benissimo che andare a Roma il 19 non significa nn passare a Comdata ma significa:
1 - o cercare di bloccare il passaggio per prendere tempo sull eventuale possibilita di modificare la legge
2 - far modificare l articolo 2112 di modo che questa cessione risulti nn conforme

e ovvio che per fare queste modifiche ci vuole tempo
MA CHE CAZZO E MEGLIO CHIEDERLE DI FARLE E ASPETTARE CHE PERDERE TUTTE LE SPERENZE E NN CHIEDERE PROPRIO!!!
MA CI ARRIVATE CON IL CERVELLO???Ora capisco perche dicono che Iin Vodafone la maggior parte della gente è senza cervello, perche segue senza chiedersi perchè e fa' tutto cio che gli vien detto di fare!

DIO disse: chiedi e ti sarà dato!

se non ci proviamo non avremo mai la speranza! e se questo non lo fai TU lavoratrice chi ti aspetti lo faccia al posto tuo?????

Anonimo ha detto...

> http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=62

L'avevo letta sull'altro blog questo acuto riferimento.

C'è solo un problema: L'USO DEL CONDIZIONALE...

Per quanto riguarda il resto... beh, è semplicemente scandaloso. Lo sappiamo tutti che in italia i manager (vedi i vari cimoli...) hanno diritto a una liquidazione che potrebbe essere definita immorale. I figli di colao non avranno mai un potenziale problema nella vita.

Mettete la clausola di salvaguardia, o tagliate i manager!! E SENZA BUONAUSCITA!!!

Anonimo ha detto...

... e per finire il discorso sulla clausola di salvaguardia, vorrei concludere sostenendo fermamente quanto dice la collega 15 ottobre 2007 14.06

DOBBIAMO RAGIONEVOLMENTE LOTTARE, E TUTTO QUESTO DEVE PASSARE PER ROMA!!!!

Cazzo, vogliamo rendercene conto che i sindacati, salvo diverse rsu, sono già d'accordo...?? Tl, sindacati, manager, dicono che, ovviamente, è tutto già deciso...

DECISO 'STO CAZZO!!!! Io dico che prima del 1 novembre può ancora succedere di tutto!

In Francia, lo sapete vero?, hanno fatto casino e in una settimana (SETTE GIORNI, NON SETTE ANNI) una legge come questa, VERGOGNOSA, non l'hanno fatta NEANCHE PASSARE!!!

Anonimo ha detto...

vi pubblico ilTESTO DELLA RISPOSTA (per il governo risponde Rosa Rinaldi - sottosegretario al Ministero del Lavoro)

Con riferimento all'interrogazione in esame, relativa all'Azienda Vodafone Omnitel NV, faccio presente che, in data 25 settembre 2007, si è svolto a Roma, presso gli uffici di questo ministero il tentativo obbligatorio di conciliazione ex articolo 1, comma 4, legge n. 83 del 2000, in materia di esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e alla regolamentazione provvisoria di cui alla deliberazione della Commissione di garanzia del 25 luglio 2002, con riferimento alla cessione di ramo di azienda delle strutture di back office e di gestione del credito all'interno del customer care in favore di COM.DATA. Alla fine dell'incontro, non è stato raggiunto un accordo.
Le relative trattative sono accentrate a livello nazionale, in considerazione delle diverse unità produttive interessate dalla cessione di ramo d'azienda.
Per quanto concerne le unità produttive milanesi, la cessione interesserebbe un centinaio di lavoratori (dei 914 complessivi).
L'azienda ha, inoltre, affermato che la cessione in questione rientrerebbe in un piano di sviluppo complessivo dell'azienda volto a perseguire un riposizionamento sul mercato in riferimento alle seguenti linee strategiche:
Mantenere il customer care quale asse strategica aziendale;
Investire in nuovi prodotti e servizi di telefonia e nell'integrazione dei prodotti di rete fissa e mobile;
Instaurare collaborazione strategiche con altri operatori del mercato al fine di acquisire le competenze e le professionalità necessarie a sviluppare la linea strategica di cui al punto precedente.
Da quest'ultimo punto di vista, l'azienda cessionaria (COMDATA) rappresenterebbe un operatore consolidato nel settore del back office dei servizi di telefonia, in grado, inoltre, di offrire un'organizzazione aziendale di assoluto rilievo (4.000 unità, 18 unità sul territorio nazionale).
La realtà di Milano, infine, continuerebbe a rappresentare il centro strategico dell'attività di Vodafone.




Replica di Augusto Rocchi (RC-SE)

Augusto ROCCHI (RC-SE), dichiarandosi soddisfatto, fa presente di essere consapevole del fatto che l'azienda attraverso l'esternalizzazione si muova all'interno delle regole attualmente vigenti. Ritiene però che andrebbero approfondite le motivazioni alla base della scelta aziendale e andrebbe quindi verificato se la cessione del ramo d'azienda non sia in realtà finalizzata a perseguire obiettivi diversi da quelli della riorganizzazione industriale. Conclude auspicando una riflessione generale da parte del Governo sul tema della cessione del ramo d'azienda.

Anonimo ha detto...

in pratica siamo condannati

questi pensano che scherziamo.
ma come cazzo dobbiamo fare a convincerli?

Se Rosa Rinaldi chiede all'azienda, l'azienda cosa potrà mai
rispondere?
Lo sa' che Vodafone non vuole assolutamente inserire nel contratto
cessionario la clausola di reintegro?
Lo sa' che in Comdata avremo dei target al limite del raggiungibile, e
che venerdì in uno staff meeting ci hanno annunciato che se questi
risultati saranno sempre eccellenti nel corso dei prossimi 5/7 anni di
contratto, Comdata POTREBBE anche decidere di prorogare la commesa per
altri 5/7 anni?

Rosa Rinaldi lo sa' che è camuffato il nostro passaggio a tempo
indeterminato? Che in realtà il nostro contratto sarà a tempo
determinato, cioè pari al tempo della commessa che Vodafone sceglie di
dare a Comdata?

Lo sa' che tra dicembre a gennaio verranno esternalizzati anche tutti
i colleghi di Rete e di IT.

Anonimo ha detto...

Ancora una volta le vostre risposte sono completamente lontane dalle aspettative di chi come me viene trasferita.
Non me ne frega nulla della vostra piccola ed inutile battaglia contro le rsu e il sindacato, anche perchè mi viene da chiedermi dove eravate in tutti questi anni dove lentamente si costruivano le condizioni per rendere i lavoratori cedibili da una azienda all'altra.
Non rispondetemi che voi eravate in piazza (Roma, Milano, Napoli,ecc)perchè come non siete riusciti a fare nulla in quelle occasioni non farete nulla nemmeno ora.
State solo dividendo i lavoratori su piu piazze in italia senza cercare invece di trovare un punto in comune su cui tutti insieme provare a cambiare le cose.
Infine non capisco perchè alcune decine di persone che scrivono sul blog si arroghino il diritto di decidere per tutti, è questa la vostra democrazia?
Io ho partecipato alle assemblee in preparazione dello sciopero del 5 novembre e non ho sentito nessuno che chiedesse di andare a roma anziche milano, nemmeno quei colleghi che poi ho scoperto che erano andati a roma e che erano presenti nella mia assemblea.
Ciao a tutti e non insultatemi se non siete riusciti a convincermi,ma provate a pensare che forse qualche errore in questa terribile vicenda è stato fatto, e forse è giunto il momento di recuperare tutte le nostre forze anzichè dividerci.

Anonimo ha detto...

dopo la risposta del governo e di Rocchi dove andiamo? all'ONU?

Anonimo ha detto...

La risposta dei politici mi sembra chiara!
Andiamo tutti sotto la sede di Milano dove vengono prese le decisioni e non a Roma dove hanno gia deciso.

Anonimo ha detto...

che sede di Milano?
per parlare con chi?

Anonimo ha detto...

Ma, Rocchi non è di rifondazione comunista?
Come potrà presentarsi alla manifestazione del 20 a Roma?

Anonimo ha detto...

scusami, ma a Roma con chi parliamo, con Rocchi e Rinaldi ?

Anonimo ha detto...

Ora capisco prchè i confederali avevano scelto milano, forse avevano capito prima di noi come la pensano le istituzioni e i partiti.

Anonimo ha detto...

eccoli qua... i più fragili già hanno ceduto.
Il filone vodafone può benissimo convogliare in una più grande protesta del settore e del precariato in generale.
Proprio per questo bisogna incazzarsi ancor più e dirigere su Roma decisi. La stessa Rosa Rinaldi è di Rifondazione Comunista. Governo e mass media vogliono far finta di non ascoltarci perché stanno o dalla parte di vodafone o per non cadere in incoerenza. Ma quello che c'è di positivo è che qualcosa sta crescendo: cresce tra di noi una coscienza di appartenenza, una coscienza di lavoratori. Quella piazza crescerà e cresceremo anche noi, matureremo con essa. Questo è un paese allo sbando e prima o poi dovremo abituarci a scendere in piazza non solo per la nostra questioncina di vodafone.
Chi vuol cedere alla lotta faccia la cortesia di astenersi da faziosità e lasci libero il pensiero dei lavoratori oramai liberi di pensare.

Anonimo ha detto...

In programma c'era il Ministero dello Sviluppo e Bersani.

Anonimo ha detto...

Alla collega del 15/10/2007 ore 14.34: non condivido ma rispetto. Proposte?

VV ha detto...

milano si sta organizzando per Roma
ma la tragedia e' che i colleghi vednuti non alzano le chiappe dalla sedia

Anonimo ha detto...

e poi a Milano cosa si andrebbe a fare? Inutile! Roma, solo e sempre Roma! I nostri parlamentari ed il Governo deve essere "martellato". Sono loro gli unici che possono rallentare o chiedere la sospensione. E' inutile che fanno "orecchie da mercanti". Devono essere rotti i coglioni! Loro ci rappresentano, loro rappresentano la legge ed anche il nostro volere, loro devono tutelarci.
A Roma tutti di nuovo, senza tentennamenti!!!

Anonimo ha detto...

IO IL COLOSSEO LO CONOSCO GIA COSI COME CONOSCO IL PENSIERO SCRITTO DEL GOVERNO E DEI PARTITI COMPRESA RIFONDAZIONE.
SPIEGATEMI A COSA SERVE ANDARE A ROMA? SE NON PER DIFFERENZIARMI DAL SINDACATO.
SCUSATEMI MA NON MI INTERESSA LA DIFFERENZAZIONE MA IL MANTENIMENTO DEL MIO POSTO DI LAVORO.
E NON CREDO CHE CON LA VOSTRA STRANA VOGLIA DI ANDARE A ROMA SI POSSA RISOLVERE IL PROBLEMA DI CHI FRA POCHI GIORNI NON SARA PIù IN VODAFONE E NON SAPRA PIU A CHI RIVOLGERSI.

Anonimo ha detto...

Proposta
Anzichè continuare ad insistere per Roma dove anche le forze più di sinistra condividono il progetto di cessione dei lavoratori, occupiamoci delle condizioni in cui si troveranno quelli che come me dal 1 novembre saranno in comdata.
Chiediamo la garanzia di rientro in Vodafone se le cose vanno male in Comdata.
Chiediamo che ci vengano mantenute tutte le condizioni attualmente presenti in Vodafone (alcune non sono affatto scontate, ASSISTENZA SANITARIA - RAM AZIENDALE - PREMIO DI RISULTATO - NORMATIVE LEGATE ALL'ARMONIZZAZIONE VODAFONE CME MIGLIORANO IL CONTRATTO DI LAVORO E TANTO ALTRO)
Io non credo, a differenza di alcuni sindacalisti che tutto questo ci sarà offerto gratuitamente e non vorrei trovermi a lottare per ottenere queste cose solo con I COLLEGHI VENDUTI a Comdata

Anonimo ha detto...

Bene. Allora ci si deve sedere al tavolo delle trattave e basta. L'azienda manterra' la maggior parte degli istituti che hai citato perche' e' obbligata per legge. Per la RAM non si puo' fare nulla, farai parte di un outsourcers. Perfetto, aggiudicato al miglior offerente! La vendita e' avvallata! Per quanto riguarda la clausola di salvaguardia non ci conterei...l'azienda e' ricorsa alla cessione per avere un licenziamento differito, non potendolo fare direttamente essendo sana e prospera.

Anonimo ha detto...

non sono solo i sindacati che propongono di andare a Roma ma sono i lavoratori che l hanno richiesto e anche in maggioranza!!

io sono una lavoratrice e forse vedo un po piu in la di te.
sono anche una di quelle che passera a Comdata.

ci chiedono di andare davanati alle prefetture PERCHE NON SERVE A NIENTE e le RSU essendo d'accordo con l'azienda, devono "fare" ma non fare "troppo".

Andare a Roma significa chiedere interessamento ai politici. Non sono una cretina ne un illusa, benche la mia giovine età so' benissimo che andare a Roma il 19 non significa nn passare a Comdata ma significa:
1 - o cercare di bloccare il passaggio per prendere tempo sull eventuale possibilita di modificare la legge
2 - far modificare l articolo 2112 di modo che questa cessione risulti nn conforme

e ovvio che per fare queste modifiche ci vuole tempo
MA CHE CAZZO E MEGLIO CHIEDERLE DI FARLE E ASPETTARE CHE PERDERE TUTTE LE SPERENZE E NN CHIEDERE PROPRIO!!!
MA CI ARRIVATE CON IL CERVELLO???Ora capisco perche dicono che Iin Vodafone la maggior parte della gente è senza cervello, perche segue senza chiedersi perchè e fa' tutto cio che gli vien detto di fare!

DIO disse: chiedi e ti sarà dato!

se non ci proviamo non avremo mai la speranza! e se questo non lo fai TU lavoratrice chi ti aspetti lo faccia al posto tuo?????

Anonimo ha detto...

Ha tutti quelli che già stanno pensando che a Roma non valga più la pena:

trovate sempre il pretesto per dire "va bene fatemi morire pure purché non faccia né manifestazione né sciopero..." Non ha senso Roma, non ha senso Milano, però manco vi esce una proposta valida...
Volete che il sindacato si segga al tavolo... ma per fare cosa? Per ribadirvi quello che già vi spetta di diritto? O per avere la clausola di salvaguardia che vodafone non vi garantirà mai? Scordatevelo che l'azienda vi dia la clausola! Ma le avete mai vissute le esternalizzazioni, anche indirettamente?! Ma se vi fanno la clausola, che vi cedono a fare allora? Al massimo vi possono garantire che per un certo numero di anni VF manterrà la commessa, dopodiché... adios (neanche i sindacalisti e i lavoratori solidali di ora potranno fare qualcosa per voi). Calmatevi e ragionate. Tenetevi stretti a questa solidarietà di colleghi fino all'ultimo giorno e nutrendovi fino all'ultima speranza perchè poi ci sarà solo la diaspora e i 914 saranno dimenticati subito.

Anonimo ha detto...

scusate anch io sono una delle vendute.

piuttosto che andare davanti alle prefetture io vado a lavorare.
ma dato che nel mio sangue c e tutto fuorche il rosso Vodafone a lavoro non ci vado e vado a Roma.

perche secondo voi è meglio stare fermi e fare spallucce e dire "che ci posso fare" o cmq avere la coscienza pulita di aver tentato di fare qualcosa PER SE STESSI!

le regole se cambiano nn cambiano da subiot è vero, ma se non insistiamo NON CAMBIERANNO MAI!

e allora COMDATA magari tra 2 o 3 anni potrebbe rifarlo di nuovo.. potrebbe esternalizzarci a sua volta, perchè adesso come adesso la legge dice che puoi farlo e se capiterà??? non abbiamo visibilità ora che lo fa VODAFONE figuraimoci se lo dovesse fare COMDATA.

SOLO ORA POSSIAMO FARCI SENTIRE PERCHE ORA SIAMO IN TANTI!
ci esternalizzeranno tutti, ci divideranno in gruppetti che non potranno avere voce perchè saranno pochissimi.

Mentre ora siamo in TANTI

Anonimo ha detto...

Dio buono! quanto casino per una cazzo di manifestazione a Roma! Manco dovreste mettere a ferro e fuoco la città !
Quanto coraggio si spreca...

Anonimo ha detto...

per me adesso e giusto andare a Roma, e successivamente, anche quando saremo eventualmente passati a COMDATA dovremmo organizzare un vero e proprio sciopero di settore...

scusate tanto ragazzi cari, c e gente in azienda che ha il doppio della mai età eppure mi sembrano degli ebeti.

io ho 25 anni e mi sarebbe piaciuto fare qls altra cosa nel mio tempo libero a 25 anni, mai mi sarei immaginata di trovarmi a scrivere per giornali, di mandare milioni di mail, di mettermi a volantinare, di passarmi le notti insonni a cercare di essere meno ignorante e capire cosa ci succede.

andandomi a leggere documenti, disegni di leggi, piani aziendali, contratti di lavoro.

eppure l ho fatto, gratis, e per me se stessa, solo per il motivo di essere venduta.
Ha ragione allora SCHIOPPA a dire che siamo BAMBOCCIONI perche ne vedo tanti intorno a me che hanno la mia eta o sono anche piu grandi e invece di pensare a cosa devono fare per dare il loro contributo, sperano pregando che non cambi nulla...

e già cambiato e se stai fermo sulla sedia stai sicuro che nulla ti piove dal cielo.

cmq in una di queste tante notte insonni mi sono letta il CONTRATTO NAZIONALE DI LAVORO e mi sono illuminata d immenso!

Quello che gli amiconi della Vodafone di servono su un piatto d argento dicendo che sei fai il bravo te lo ritroverai a COMDATA, non sono altro che TUOI DIRITTI CARO COLLEGA!

GIA DIRITTI! l unica cosa da contrattare e il premio, la clausola nn la cito nemmeno perche se volevano metterla nn avrebbe avuto senso esternalizzarci.

QUINDI CARO COLLEGA CAPRONE CHE VAI DIETRO ALLA MASSA. LEGGI E INFORMATI!
COSI CAPISCI, COME HO FATTO IO, CH TI DEVI ROMBOCCARE LE MANICHE, e che purtroppo TUTTO GIRA ATTORNO AL GOVERNO.

O ROMA O ROMA!

Anonimo ha detto...

in risposta ad anonimo 15 ottobre 2007 14.34.
nessuno fa lotte contro il sindacato per partito preso. se si scelgono strade diverse e' perche' si ritiene che le strategie proposte non siano le migliori, ben sapendo che in una situazione come quella attuale e' molto difficile fare la cosa giusta e anche continuare a pensare che la battaglia si possa vincere.
ciononostante, visto che per me non e' accettabile non provarci nemmeno, scelgo di fare cio' che mi pare piu' utile.
dopo l'errore di due manifestazioni separate (e' il sindacato che divide, non confonderti), era il caso di alzare il livello e il tono della proposta. quindi come minimo riunire i lavoratori in un'unica protesta e non certo spezzattarli in otto invisibili presidi. a questa impostazione si sono sottratte molte rsu d'italia e molti lavoratori, che infatti andranno a roma autotassandosi per farlo... allo sciopero si aggiunge il costo di raggiungere roma.. queste cose non si fanno per polemica contro qualcuno ma perche' si crede in qualcosa!
nella scorsa assemblea alcuni lavoratori di ivrea avevano affermato di ritenere che la scelta di milano non fosse la migliore e avevano sostenuto che roma fosse la sede migliore per renderci visibili. Questi lavoratori avevano deciso quindi autonomamente di partecipare all’altra manifestazione e di non organizzare nulla da qui per non aprire polemiche e divisioni. questa e' una fase diversa (da due manifestazioni si e' passati ad otto) e infatti si stanno pubblicamente raccogliendo le adesioni per recarsi a roma tra tutti quelli che lo ritengono utile e necessario.
Uniti sarebbe meglio, ma se l’obiettivo non convince e non siamo i soli a non essere convinti, allora lo diciamo e agiamo diversamente.
ciao

Anonimo ha detto...

Ragazzi non spaventatevi... quello di Rosa Rinaldi è semplicemente una constatazione di fatto risalente al 25 Settembre 2007. Tutta roba che già sappiamo, roba vecchia.
L'unico elemento è che fingono di non sentire perché se si opponessero, lo farebbero in barba ad una legge vigente che loro stessi stanno avallando.
Quindi bisogna continuare con la lotta e la manifestazione di Roma ma sarebbe opportuno non parlare con un sottosegretario, piuttosto sperare di essere ricevuti direttamente o da Damiano o da Bersani. Magari strappargli una promessa e ricordargli che torneremo da lui. Ma come potremmo, ad esempio, raggiungere direttamente Pierluigi Bersani?

Anonimo ha detto...

secondo me delle persone che scrivono qui non sono nemmeno colleghi..io sono di roma .a proposito a ROMA oggi è venuto il manager gasato per farci notare che a MILANO non vivono questa situazione ci ha detto che non sono incazzati neri in poche parole..ragazzi ma vi pare che io manager se non era un affare fico non accettavo cazzate...e basta e grazie con i soldi che ti hanno dato..a Roma stiamo neri ...il sindacalista con 10 minuti l'ha fatto diventare bordo' verde dicendogli che se c'è bisogno anche a comdata faremo 20 giorni di sciopero per bloccare questo scempio non date retta a chi dice non andate a Roma mai come ora dovete venire in massa... vi basta sapere che l'azienda per quanto è caduta nel ridicolo paga' i caffè...prima mai fatto ...manda e.mail telefona messaggini...videntemente qualcosa non va' poi liscio come l'olio se si comportano cosi.hanno paura quindi dovete venire a lottare a Roma e bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa sindacalista con le palle come ho goduto oggi *****

Anonimo ha detto...

In una mail, Ripepi, il capo delle Tecnologie (rete e IT) per l'Italia, insiste un po' troppo sull'utilità della survey e ne sprona alla compilazione. Come mai tanto interesse verso la survey?

Anonimo ha detto...

io ho cancellato l'email tanto se vogliono ti fregano pure per quella .

Anonimo ha detto...

Penso che in questo momento ci sia ben altro su cui lottare che non una RAM che ci verrà tolta!!!

Che te ne farai di una RAM (proprietà Vodafone) quando COMDATA ti dirà: ragazzi esubero!!!

Te la mangerai? La userai per mandare i tuoi figli a scuola? Per coprarti i vestiti? Per pagarci un mutuo?

La RAM non è una garanzia è un benefit che ci verrà tolto!!!

Lottiamo per avere delle certezze e un futuro non delle telefonate!!!

A ROMA!!!

MR

Anonimo ha detto...

I disfattisti "tanto non serve a niente" restino pure a casa o fuori dalla porta. O vadano pure al lavoro.

Ma sappiate che, semmai si riuscirà ad ottenere qualcosa o a far succedere qualcos altro con un colpo da biliardo, lo dovrete SOPRATTUTTO a coloro che sono andati a Roma a far sentire anche la VOSTRA voce.

Io non ho mai visto, fino ad oggi, sindacati confederali e confindustria limonare e andare d'accordo fra di loro in questo modo... Già questo fatto dovrebbe farvi insospettire...

Vogliono istituzionalizzare la SCHIAVITU', non l'avete ancora capito?

C'è qualcosa di male ad avere un lavoro e, per questo motivo, chiedere un mutuo...? NO

C'è qualcosa di male ad avere un lavoro e, quindi, la capacità di mantenere dei figli...? NO

C'è qualcosa di male a VOLERLI dei figli? O una casa...?

Il film delle esternalizzazioni è stato già visto in Telecom. E in Wind. I 275 COLLEGHI di wind non se la stanno passando bene.

Dopo 3 anni, tanto è durata la causa legale, i tecnici esternalizzati ad HP sono stati REINTEGRATI a pieno titolo in Telecom.

Preparatevi anche a questo. Potrebbe essere la più grande "class action" mai vista in italia.

Provate a pensare in NOVECENTOQUATTORDICI fare causa tutti insieme...

Anonimo ha detto...

A Bologna si sente dire tanta gente che non scioperera'!

Ci siamo addormentati?????????

Anonimo ha detto...

svegliali gli hanno fatto il lavaggio el cervello a tante pesone mamma mia

Anonimo ha detto...

PADOA SCHIOPPA ha ragione

SIETE DEI BAMBOCCIONI

Anonimo ha detto...

x 18.52 non rispondete abiamo un'atro obbiettivo.magari a te u giorno ti gonfio di botte*

Anonimo ha detto...

e va bene andate a lavorare e fate che cazzo vi pare

mentre andate a fare krumiri oppure resterete nel letto a dormire pensate che ci sono delle persone che si sono sbattute ANCHE PER VOI per andare fino a Roma

mi ricorda un po' la questione dei turni a Ivrea.

Quando avevamo delle turnistiche che facevano schifotutti si lamentavano ma nessuno faceva niente, grazie ad una trattativa e mi sembra uno sciopero o una votazione fatta da pochi eletti quelle turnistiche sono state cambiate e grazie a quelle ora avete un week end ogni 4 settimane

intanto pero grazie allo sbattimento di pochi un sacco di stronzi hanno avuto benefici che nn meritavano perche nn hanno lottato

Anonimo ha detto...

io sono di Bologna e voglio andare a Roma.

Spero saremo in tanti come l'altra volta.

Anonimo ha detto...

forse non avete capito oppure Milano Fà FINTA DI NON CAPIRE SPARANDO CAZZATE CHE ANDIAMO A Fà A ROMA...chi lo dice è un gran bastardo e basta ora ve lo dicooooooooo tutti con un minimo di cervello e non venduti alla cara mamma vodafone capiscono che queste 914 persone cedute dopo 3/7/9 anni comdata li lincenzierà ecco la realtà e basta.e voi che fate a MILANO SCUSATE..da chi cazzo andate ...dobbiamo rompEre al governo a Roma la posta è alta e non venire è solo da bastardi ...noi a roma ci facciamo il culo tra un po li mandiamo a fanculo quando passano in azienda e loro non lo sopportano e qui circolano certi discorsi assurdi ....c'è gente con famiglia mutui da pagare gente che piange ancora oggi e voi fate questi discorsi ragazzi comdata ci manderà a casa tutti 914 e gli altri per soledarietà dovrebbEro venire per la vodafone la posta in alto è tanta l'abbiamo capito e se non passa se rivoluzioniamo ROMA QUALCUNO DALL'AZIENDA SALTERA'.A MARZO VENDE ANCHE L'ATTIVITA TELEFONICA AD UN'ALTRA COMMESSA DI COMDATA.IO SPERO VIVAMENTE CHE ALMENO CHI HA UN PO' DI COSCIENZA LO CAPISCA PERCHè CI SBATTONO FUORI E NON DOBBIAMO PERMETTERLO CON MILANO O SENZA MILANO MA UN GIORNO TOCCHERA' A VOI ......

Anonimo ha detto...

beh ragazzi, io ricordo ancora a bologna quando, in sala conferenze, hanno mandato un video con uno spezzone del film "ogni maledetta domenica" con robert de niro (mi pare che il titolo fosse quello) dove parlava di "centimentro per centimetro bisogna conquistare la meta". E la squadra di rugby della nuova zelanda... mi sono guardato in giro pensando "ma che è 'sta roba...?"

Qui, "centimentro per centimetro" ce lo stanno spingendo nel culo.

Noi, PERSONA PER PERSONA, dovremo essere uniti. Ed esserci. E far vedere a questo governo di false promesse che le cose non vanno un cazzo bene. E' qui il nodo della questione. L'interlocutore primario è il governo, non l'azienda e nemmeno i sindacati visto che SI RIFIUTANO di interloquire sulla questione con il governo.

Tante belle parole, ma fatti ZERO. A quelli come al solito dobbiamo pensarci noi cittadini.

Anonimo ha detto...

oggi a ROMA C`E` LA VITA IN DIRETTA CON MICHELE CUCUZZA ALLE 14.30 QUESTI VOGLIONO LA GUERRA PERFETTO ....E GUERRA SIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Anonimo ha detto...

art. 2112 del Codice Civile: "Il Cessionario è TENUTO ad applicare i trattamenti ECONOMICI e NORMATIVI, previsti dai contratti collettivi nazionali, TERRITORIALI ed AZIENDALI vigenti alla data del trasferimento, fino alla loro scadenza, salvo che siano sostituiti da altri contratti COLLETTIVI applicabili all'impresa del cessionario. L'effetto di sostituzione si produce esclusivamente fra contratti collettivi del medesimo livello".
Considerando che COMDATA applica il nostro stesso contratto collettivo (TLC), se i sindacati non si siedono a trattare NON PERDIAMO NESSUNO DEI TRATTAMENTI ECONOMICI E NORMATIVI ATTUALMENTE IN VIGORE!!!! C'è solo il premio di risultato che ha scadenza e che, se si ha la forza, dopo la scadenza si rinnova (ma la stessa cosa accadrà anche in Vodafone). La firma dei sindacati è una maledetta necessità dell'azienda per contrastare le cause e del Governo per uscirsene pulito, a noi Lavoratori non serve a niente, anzi ci danneggia! Per questo (io che farò causa se dovessi essere esternalizzato) ho diffidiato per iscritto i sindacati a trattare, e così stanno facendo tanti altri Lavoratori.
Andare tutti a Roma il 19 è determinante, perchè è la manifestazione dei Lavoratori e non delle sigle, quindi sposta gli equilibri governabili che si erano prefissati azienda e istituzioni dal comodo tavolo negoziale alla piazza, dalle sigle ai Lavoratori... in poche parole, rompe quegli schemi soliti e vincenti per le aziende (vedi altre cessioni) e ne crea di nuovi ed incontrollabili, creando un imprevisto; ed è ovvio che se restiamo negli schemi calssici, già previsti da azienda e istituzioni, quindi già messi in conto di subire ed andare avanti, non ne traiamo nulla. Venerdì tutti a ROMA, perchè i Lavoratori hanno deciso così, perchè sono i Lavoratori che ordinano al Sindacato cosa fare e come farlo, e non viceversa.
E non credete neanche tanto ai dubbi sull'effettiva partecipazione a questo sciopero, lo abbiamo riscontrato tante volte in questi giorni, è una precisa tattica far serpeggiare il dubbio "che in fondo sei solo a protestare", salvo poi trovarsi tutti insieme. Allora, che ognuno si dica "IO A ROMA CI SARO', ANCHE DA SOLO!" e così facendo il 19 ci accorgeremo che la Piazza è troppo piccola per contenerci tutti.
Questa potrebbe essere l'ultima manifestazione nazionale di ottobre, quindi il boato deve essere terrificante per azienda e, soprattutto, istituzioni, ma la lotta non terminerà ad ottobre: se siamo ancora in Vodafone dovremo continuare per abbattere le leggi che consentono di macellarci; se saremo in Comdata, bene, lì non siamo sottoposti alla legge 146 sugli scioperi, gli possiamo bloccare la produzione senza preavviso ed a tempo indeterminato. A proposito di scioperi senza il rispetto della 146, ci stanno arrivando le sanzioni: richiamo scritto o multa di 3 ore, quest'è! E comunque le impugneremo tutte le sanzioni, così saranno sospese in attesa di giudizio (che contiamo di vincere).
A chi dice che non serve fare nulla, "perchè tanto è tutto deciso", dico di vergognarsi! Perchè (senza scomodare eroi lontani nel tempo) un ragazzo "armato" di buste per la spesa ha fermato un carrarmato, perchè degli studenti francesi hanno ricacciato in gola al loro Governo una legge infame.
Le affermazioni arrendevoli e disfattiste sono inserite appositamente dai burattini del nemico, e dico di non stare neanche troppo ad individuare qual'è il vero nemico; l'importante è avere le proprie idee ed essere uniti con chi è degno di essere seguito.
Tutti a Roma, senza indugi, senza dubbi, se c'è il sole o il temporale, anche con la febbre, con tutte le famiglie, TUTTI A ROMA A GRIDARE: NON CI ARRENDEREMO MAI!!!!!!
Bartolomeo, Napoli.
P.S.: ora arriverà il commento del burattino: non sprechiamo energie a rispondergli, per ogni commento stupido, se proprio vogliamo rispondere, che il commento sia solo: "Io sarò a Roma ad abbracciare gli amici di tutta Italia".

Anonimo ha detto...

un solo commento: TOGLIETE LA CITAZIONE DI CHE GUEVARA.

A voi tutti borghesi di merda vi avrebbe fucilato...che guevara vedendo le lotte che volete fare non per fare la Rivoluzione ma per essere sempre servi del padrone (vodafone) vi sputerebbe in faccia.

Tutto il rispetto per quello che voi volete, ma TOGLIETE LA CITAZIONE DI CHE GUEVARA!!!

Anonimo ha detto...

per quanto mi riguarda quel giorno i krumiri dovranno solo vergognarsi.

guardatevi allo specchio, e scrutate la vostra faccia, perchè nessun altro collega vi guarderà

Anonimo ha detto...

io la lotta la faccio per la rivoluzione per far cambiare questo governo di merda .
L`AZIENDA PER ME NON CONTA UN CAZZO OK?QUELLE VISCIDE PERSONE FALSE CHE TI GUARDANO DALL'ALTO AL BASSO CON IL PORTAFOGLIO GONFIO DI SOLDI MI HANNO FATTO SEMPRE VOMITARE IO LOTTO PER UN MIO DIRITTO DA CITTADINA SUL LAVORO E NON MIFACCIO TRATTATE COME SI VENDE LA FRUTTA DA LORO .BUONA GIORNATA A TE.

Anonimo ha detto...

la rivoluzione per cambiare questo governo di merda??? ma che stronzate dici???

cioè che guevara lottava per cambiare un governo???

CHE GUEVARA LOTTAVA PER IL POPOLO CUBANO OPPRESSO DA UNA DITTATURA!!!

ma andate affanculo finti comunisti che fate finta di lottare e fare la rivoluzione!!!

Anonimo ha detto...

Pensa cosa avrebbe fatto ad uno che insulta dei lavoratori che, anche se minimamente, lottano per il proprio diritto ad un lavoro dignitoso. Nel nostro piccolo lottiamo per contrastare l'arretramento dei diritti di questi tempi. Poi se vuoi unirti a noi, facendo delle proposte siamo dispostissimi ad ascoltarti e, magari, prendere in considerazione le tue osservazioni/proposte.

Anonimo ha detto...

In realta' ha lottato anche in Angola e, per ultima, in Bolivia...non solo a Cuba. Lottava contro le dittature, ma anche contro l'imperialismo economico che oggi praticano le multinazionali, pensando di poter fare cio' che vogliono delle persone. In realta' ha lottato perche le persone stessero meglio, non fossero oppresse e sfruttate, non per sostituire un governo con un altro

Anonimo ha detto...

appunto ti hanno risposto i colleghi al mio posto ero in pausa scusa.
io lotto per miei diritti.perche` sappiamo che novembre dicembre viene esternalizzato anche il reparto rete it perche` sappiamo che a marzo viene esternazzato contatti outbound..perche` la gente deve mangiare crescere i figli e non c`e` nulla di male nel fare questo e scusa se ti ho nominato il tuo adorato GUEVARA ma adesso altre cose sono importanti.

Anonimo ha detto...

Cari colleghi,

Come credo sia successo a tutti Voi negli ultimi giorni ho pensato moltissimo alla situazione che stiamo vivendo;
i miei stati d`animo sono andati dal preoccupato, all`agitato ,al deluso, al nauseato……

Quello che ho visto nascere in Vodafone Pozzuoli dal 21/09 in poi e` incredibile;
ho visto nascere uno spirito di solidarietà` e voglia di combattere che non credevo avessimo,
ho visto persone miti tirare fuori le unghie per difendere il lavoro proprio e dei propri colleghi.

Poi sono arrivate le contestazioni, dovevano spaccare il fronte e invece…..Ho visto le persone andare all`ufficio del personale a testa alta, consapevoli, forse per la prima volta, della propria forza.

Poi c`e` stato il 5 ottobre e ho visto Roma; ho visto negli occhi dei colleghi di Catania, Roma, Ivrea e Bologna la stessa voglia di non arrendersi e ho pensato che “insieme” tutte quelle persone potevano farcela!

Poi sono arrivati i briefing, ho visto l`azienda che, seriamente preoccupata, ha provato a spiegare come stessero realmente le cose…. Vergognosi!

Poi sono arrivate le sanzioni, ho sperato fino all`ultimo che l`azienda evitasse quest`ulteriore caduta di stile e invece…..ancora una volta ha dimostrato il peggio di se!

Mi rendo conto che siamo stanchi, che qualcuno comincia a credere che e` tutto inutile, che la cessione e` inevitabile e ….magari e` cosi!

Ma questo e` il momento di stringere i denti! L`azienda ci ha dimostrato il peggio di se…. Perche` noi dovremmo risparmiarle qualcosa?

Tutti a Roma il 19 per dimostrare all`azienda che non abbiamo paura!
Per dimostrare agli esternalizzati che vogliamo tenerceli tutti e 914 perche` ”we are family”!
Per dimostrare ai ”sanzionati” che l`azienda colpendoli ha colpito tutti!
Per dimostrare ai sindacati che la vera forza di questa lotta non sono loro ma siamo noi!

Per tutti questi motivi a Roma dobbiamo essere tanti!!!
Dobbiamo essere tanti perche` la rabbia che abbiamo dentro puo` trovare voce solo li`, dove ci sono le istituzioni!
Dobbiamo essere tanti perche` se pure dovessimo perderla questa battaglia dobbiamo perderla senza rimpianti, consapevoli di aver fatto tutto cio` che era possibile fare!

Elvira una sanzionata che non vuole arrendersi!

Anonimo ha detto...

SECONDO ME NON E’ CHIARA ANCORA UNA COSA:
O SI VA AVANTI TUTTI INSIEME, A PRESCINDERE DA IDEOLOGIE, SIMBOLI O BANDIERE, MA UNITI SOTTO L’UNICO “CREDO” FONDAMENTALE CHE DEVE GUIDARE LE COSCIENZE,E CIOE’ BATTERSI CONTRO QUESTA STRATEGIA AZIENDALE DA TRITACARNE, O E’ MEGLIO STARSENE A CASA.
LE RSU, BATTENTI LA BANDIERA DELLA VOX POPULI, NON PUO’ AMMAINARE QUELLA BIANCA PER CONVENIENZE PERSONALI O DI PARTITO.
O SI LOTTA, CONSAPEVOLI DI POTER PERDERE, MA A TESTA ALTA (E QUESTA E’ GIA’ DI PER SE’ UNA VITTORIA)
O E’ MEGLIO STAR ZITTI. MUTI, CAPITO?
CI VOLEVA UNITA’, DOPO IL 5 SOPRATTUTTO. E INVECE STIAMO ANCORA A TIRARCI INDIETRO E PIAGNUCOLARE COME LE SIGNORINE.
STIAM BENE A 90 GRADI, ECCO COS’E`.
GLI UNICI “VERI” SI VEDRANNO A ROMA, ANCHE SE PIOVE.

Anonimo ha detto...

A Napoli le RSU sono sparite...
Completamente assenti.
Dopo lo sciopero del 5 (al quale non hanno partecipato) non si sono proprio visti!

Ne' un'assemblea, ne' un'iniziativa di lotta...NIENTE!!!

In mano a chi stiamo????

Dobbiamo fargli vedere che la forza sono i lavoratori non queste segreterie di merda che stanno leccando il culo del padrone!!!!

Anonimo ha detto...

No ragazzi, non ci posso credere!

I sindacati hanno comunicato che vogliono sederci a trattare con l'azienda!!!!

Ma non l'avevano definita una porcata???

Anonimo ha detto...

no da noi ieri a ROMA GLI HANNO DETTO IN FACCIA AL MANAGER DAVANTI A NOI LAVORATORI CHE NON SI SIEDONO PERCHE` TANTO LA CLAUSULA NON CE LA DANNO ...DAVANTI A TUTTI QUANTI A ROMA IERI NE ABBIAMO PARLATO QUINDI NON DARE RETTA ALMENO DA NOI SONO STRASICURA NON CI VANNO A TRATTAREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

Anonimo ha detto...

Guarda che c'e' un comunicato ufficiale pubblicato sull'altro blog vodafone people...

Anonimo ha detto...

ULTIME NOTIZIE


Vi alleghiamo la comunicazione inviata il giorno 12 ottobre da Vodafone alle Segreterie Generali e le risposte delle stesse.


La nostra reazione e’ stata forte ed immediata: la RSU Roma ha scritto a tutta la delegazione RSU Vodafone:

I delegati sindacali firmatari del presente documento, appresa ieri sera la notizia che su invito dell’azienda, le segreterie generali- nazionali di cgil cisl e uil hanno accettato di sedersi al tavolo della trattativa con l’azienda, il giorno 19 ottobre, giorno dello sciopero nazionale, hanno manifestato tutta la loro insoddisfazione circa tale “incomprensibile” scelta.
Stavamo facendo partire questa diffida alle segreterie generali- nazionali, quando e’ arrivata un ulteriore convocazione del coordinamento nazionale dei delegati per il 19 sera e incontro con l’azienda sabato 20. NON CAPIAMO TUTTA QUESTA FRETTA! Quando per lunedì 22 era gia’ stato convocato il coordinamento nazionale. Che cosa sta premendo sulle segreterie generali? Pertanto chiediamo il rispetto dei tempi che ci eravamo dati nel rispetto DEI LAVORATORI TUTTI!

Questo testo e’ stato inviato alle segreterie nazionali con le firme dei delegati sindacali. Stigmatizziamo questi tipi di comportamenti che esulano da un atteggiamento democratico, se qualcuno tenta di lanciare la volata forse e’ perche’ i delegati sindacali si stanno comportando in modo corretto in questa vicenda? Racconteremo tutto nel dettaglio nelle assemblee che abbiamo indetto per giovedi’ . Non molliamo perche’ questi segnali ci indicano che stiamo sulla strada giusta!

Fondamentale, oggi piu’ che mai, e’ l’adesione allo sciopero del 19 ottobre. Confermiamo che da tutta Italia si stanno organizzando colleghi per venire a Roma (anche contrariamente da quello che dicono le segreterie nazionali) mentre quelli che resteranno nelle loro citta’ andranno davanti le prefetture. Il tutto per dare piu’ forza alla lotta.

Cosi’ come detto da una collega di Napoli.

Per dimostrare agli esternalizzati che vogliamo tenerceli tutti e 914 perche` ”we are family”!
Per dimostrare ai ”sanzionati di Napoli” che l`azienda colpendoli ha colpito tutti!
Per dimostrare ai sindacati che la vera forza di questa lotta non sono loro ma siamo noi!

Per tutti questi motivi a Roma dobbiamo essere tanti!!!
Dobbiamo essere tanti perche` la rabbia che abbiamo dentro puo` trovare voce solo li`, dove ci sono le istituzioni!
Dobbiamo essere tanti perche` se pure dovessimo perderla questa battaglia dobbiamo perderla senza rimpianti, consapevoli di aver fatto tutto cio` che era possibile fare!

Seguira’ comunicato con orari per le assemblee per giovedì 18 ottobre.


Rsu Vodafone Roma

Anonimo ha detto...

A ROMA STANNO INCAZZATI NERI LI HANNO DIFFIDATI NEL FARLO COSI NON FANNO UN CAZZOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO GRANDE SINDACALISTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Anonimo ha detto...

ADESSO DOBBIAMO FARGLI MALE SI STANNO COMPORTANDO DA SCHIFO LI HANNO DIFFIDATI A ROMA IL SINDACALISTA CI HA SUBITO AVVISATO ECCO PERCHE` DOBBIAMO FARGLI MALE VERGONATEVIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

altra scioperatrice ha detto...

Io sono convinta che le RSU siano ancora convinte che sedersi e` una porcata ma non hanno le palle di ribbellarsi alle loro segreterie. Lo dimostra il fatto che a Napoli non rispondono alle telefonate e agli sms! Sapete cosa c`e`....Il sindacato siamo noi, siamo quei 1000 in piazza a Roma lo scorso 5 ottobre e saremo ancora noi..a Roma ancora una volta per gridare tutti insieme da Ivrea a Catania il nostro NO!!!

Anonimo ha detto...

QUALCHE RSU NON SI STA` COMPORTANDO BENE IL SINDACALISTA DI ROMA L`HA DETTO A NOI MA CMQ GLI HANNO FATTO PARTIRE UNA DIFFIDA E MENTRE CI PARLAVO ....PARLAVA AL TELEFONO CON NAPOLI... PER LO SCIOPERO DOVREBBE ESSERE ALLE 14 DI POMERIGGIO VEDIAMO SE MI SBAGLIO.....CHE BASTARDIIIIIIIII

Anonimo ha detto...

c`e qualche rsu lo leggi anche nel comunicato che non si sta comportando bene proprio per questo adesso tutti a roma li avranno comprati capirai...ti meravigli magari me lo dice il nome ...noi oggi abbiamo la tv a roma pagheranno per danni morali.per quello che stanno facendo ..il nostro sindacalista ci e` venuto ad avvisare stanno facendo schifo hanno paura per lo sciopero ma cmq ha detto che gli fa` scontare tuttooooooooooo e e` partita la diffida.non ti preoccupare saro` la prima a dirvi chi si e` comportato male...io ci credo altrimenti non veniva incazzato nero ad avvisarci dello sciopero

Anonimo ha detto...

AI GENTILISSIMI COLLEGHI DI IVREA

Cari colleghi,
a chi ho avuto l'occasione l'ho detto di persona, ma con questo messaggio voglio cercare di comunicare con tutti.

Ad Ivrea siamo in 283 venduti! non 5! 283!!!
Eppure in questi giorni, chi si è sbattuto a destra e a manca per il bene di tutti??

I soliti ignoti!

Vi ritenete superiori?
Ritenere di avere più impegni di altri?

Anch'io ho una vita molto piena ma non mi sono mai tirato indietro rispetto a nulla...

Sento dire che a Roma non ci vengono perchè è troppo lontano, perchè hanno già preso un impegno, che gli costa troppo, perchè tanto stanno cercando già un altro lavoro... P A L L E!!!

Anch'io sto cercando un altro lavoro. Ma nel frattempo che famo'?

Avevo degli impegni importanti, ma li ho prorogati, perchè questo E 100 VOLTE PIU IMPORTANTE, dovrei studiare, e in realtà ho anche due lavori, quindi questa giornata mi costa 2 paghe in meno+il costo del viaggio+la stanchezza che avrò addosso.

Ma lo faccio! Perchè tra qualche anno quando mi avranno licenziato non mi voglio piangere addosso!

Siete degli smidollati senza coscienza!

Siete quelli che dicono" armiamoci e partite"!

Ma che razza di persone siete???

Questo sciopero è anche il vostro perciò qualsiasi impegno vale molto di meno di ciò che con tanta fatica pochi e ammirabilissimi colleghi stanno cercando di organizzare.

I sindacati vi dicono una cosa e poi ne fanno un'altra! Ma vi volete svegliare?

Quando passo in CC, nelle salette, sento TUTTI e dico TUTTI che si lamentano.

Ma quando è ora di parlare in assemblea... TUTTI ZITTI!!

Ma quando è ora di scioperare ... TUTTI FERMI!

Lo so caro collega che ti stai riconoscendo in questa descrizione!

Perciò fammi cambiare l'opinione che ho di te.

Vieni a ROMA con noi!

Anonimo ha detto...

E' la disfatta totale quando i lavoratori assumono le decisioni e mettono il sindacato da parte vuol dire che siamo pronti per indirre il VS-DAY che sta' per il Vaffanculo Sindacato Day.Propongo come data il 31 Ottobre.

Telemaco

Anonimo ha detto...

carissima del 16 ottobre ore 21,12 credo che tu voglia andare a roma perche non hai un cazzo da fare e perche non sei tra le "vendute". Se così non fosse verresti alla manifestazione indetta dalla maggioranza dei lavoratori o al limite chiederesti di andare a manifestare a milano dove ci sarà la trattativa

Anonimo ha detto...

Manifestazione indetta dalla maggioranza dei lavoratori? Quale? Il presidio al BAR della Stazione di Ivrea "perche' Ivrea non e' Capoluogo di Provincia e quindi non ha laprefettura"...neanche lo sbattimento di andare a Torino

Anonimo ha detto...

ma se non si siedono faremo la fine di wind? passeremo cmq senza garanzie? perche' vodafone l'ha detto ci passa e basta!

Anonimo ha detto...

uahhhhhhhahahahahahahahahahahauauauauauauauauauaaaaaahhhhhhhhhh

pssssssssssssssssssssssssssssssssssss
sssssssssss
s
s
s

ssssssssssssssssssssssssssssssssssss

oh 'mbriachi..mmancano -2h allo scioperooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

Anonimo ha detto...

Complimenti ai 4 coraggiosi della DS che hanno deciso di entrare al lavoro incuranti di cio' che i colleghi stanno facendo anche per loro.
Gli dedichiamo una poesia di Trilussa, affinche' cadano i MURRI dell'ipocrisia:
LE BESTIE E ER CRUMIRO

Una volta un CAVALLO strucchione
c'ogni tanto cascava pe' strada
scioperò pe' costringe er BRAVO padrone
a passaje più BON FIENO e più biada:
ma er Padrone s'accorse der tiro
e pensò de pijasse un crumiro.

Chiamò er Mulo, ma er Mulo rispose:
-- Me dispiace, ma propio nun posso:
se Dio guardi je faccio 'ste cose
li cavalli me sarteno addosso...--
Er Padrone, pe' mette un riparo,
Fu costretto a ricorre ar Somaro.

-- Nun pò sta' che tradisca un compagno --
dice er Ciuccio -- so' amico der Mulo --
e pur'io, come lui, se nun magno
tiro carci, m'impunto e rinculo...
Come vòi che nun sia solidale
Si ciavemo l'istesso ideale?

Chiama l'Omo, e sta' certo che quello
fa er crumiro co' vera passione
Per un sòrdo se venne er fratello,
Pe' du' sòrdi va dietro ar padrone,
finché un giorno tradisce e rinnega
er fratello, er padrone e la Lega.